Tron è senza dubbio una delle criptovalute più discusse degli ultimi mesi: nonostante il periodo tutt’altro che florido, il token lanciato da Justin Sun è riuscito infatti a realizzare guadagni importanti, entrando stabilmente nelle prime 10 posizioni per capitalizzazione di mercato. Ma cos’è Tron e chi c’è dietro questo ambizioso progetto?

Cos’è Tron

Tron è protocollo decentralizzato con una propria blockchain e moneta (il token Tron, conosciuto anche con il ticker TRX) che mira a rivoluzionare la distribuzione di intrattenimento digitale come film, musica e videogiochi. Dopo una prima fase sulla blockchain di Ethereum, Tron ha migrato tutte le operazioni sulla propria rete proprietaria nel Giugno 2018, segnando così l’inizio della rivalità con la creatura di Vitalik Buterin. Proprio come la prossima versione del “fratello maggiore” (l’atteso Ethereum Serenity), anche Tron utilizza un algoritmo Proof-Of-Stake per validare le proprie transazioni.

La completa gestione del progetto è in mano alla Tron Foundation, fondata a Settembre 2017 dall’attuale CEO Justin Sun. L’azienda è basata in California ma può vantare anche una sede presso l’hub tecnologico di Singapore, conta al momento poco più di 100 dipendenti ed è responsabile dello sviluppo del codice alla base di Tron e di tutte le sue applicazioni.

L’architettura di Tron lo pone in diretta competizione con altre blockchain avanzate come Ethereum e Cardano: grazie alla possibilità di sviluppare applicazioni decentralizzate (Dapps), gli utenti possono creare piattaforme e contenuti all’interno dello stesso ecosistema sfruttando il token per i pagamenti.

lo schema tecnico di Tron

Al momento, la grande maggioranza delle Dapps basate su Tron sembrano avere un focus particolare sul gambling: una scommessa, per così dire, potenzialmente pericolosa a causa della difficile regolamentazione di questo settore nei diversi paesi. Questa la classifica per utilizzo delle applicazioni decentralizzate basate sull’ecosistema di Tron nel momento in cui scriviamo:

principali dapps di Tron

Una situazione che deve aver preoccupato anche la stessa Tron Foundation, che proprio recentemente ha istituito un fondo per finanziare lo sviluppo di applicazioni decentralizzate sulla propria blockchain, cercando di attirare sviluppatori dell’ecosistema Ethereum e EOS, entrambi duramente colpiti dal mercato ribassista degli ultimi mesi.

Sin dalla sua creazione, Tron è stato un progetto molto controverso: nei primi tempi il white paper è stato contestato per palesi incongruenze e passi copiati da altri testi; Justin Sun si è sempre giustificato attribuendo la colpa alla fretta e non precisati errori di traduzione dalla versione originale in cinese. Ma le critiche non hanno fermato l’entusiasmo del vulcanico imprenditore e del suo team: come abbiamo riportato in quell’occasione, nel Luglio 2017 Tron ha comprato BitTorrent, un popolare client peer-to-peer per la condivisione di file.

Tron valore

La ICO di Tron ha raccolto un totale di 70 milioni di dollari e si è conclusa il 2 Settembre 2017, con un prezzo di partenza di 1 TRX=0,0019$ (0.00000038 BTC)

Il prezzo attuale del token Tron (TRX), secondo l’autorevole Coinmarketcap, è il seguente:

Naturalmente il prezzo indicato è una media degli exchange listati dal sito, quindi il prezzo del tuo broker di fiducia potrebbe variare leggermente.

Dove comprare Tron

Il token di Tron è disponibile presso una grande varietà di exchange, data la grande popolarità che ha raggiunto negli ultimi mesi. Anche se questo token non è ancora disponibile su piattaforme più da neofiti come Coinbase o eToro, comprare Tron sarà facilissimo su Binance.

Binance è uno degli exchange più conosciuti e rispettati al mondo, e ti permetterà di acquistare Tron in pochi secondi grazie alla sua piattaforma semplicissima da utilizzare e interamente tradotta anche in Italiano. Oltre ad offrire centinaia di token e criptovalute, questo broker può vantare una parternship importante proprio con il team di Tron: sarà proprio tramite Binance infatti che la startup guidata da Justin Sun lancerà i prossimi token basati sulla blockchain di sua invenzione.

Mining Tron

Come detto, Tron sfrutta un algoritmo Proof-Of-Stake: questo significa che le transazioni vengono validate da nodi specifici che hanno messo a disposizione della rete ingenti quantità di token. In sostanza dunque il mining di Tron si differenzia notevolmente da Bitcoin, che invece utilizza un algoritmo basato sulla Proof-Of-Work per garantire la legittimità delle proprie transazioni.

Non avrai dunque la possibilità di fare mining Tron sfruttando il normale hardware utilizzabile per Bitcoin o Ethereum. Anche se non è ancora possibile creare in autonomia un nodo e ricevere Tron come ricompensa per la validazione delle transazione, questa ipotesi è allo studio e non dovrebbe essere troppo lontana nel tempo. Una volta implementata questa opzione, sarà possibile mettere a disposizione della blockchain una determinata quantità di token e guadagnare Tron proprio come nel normale processo di mining di altre criptovalute.

Chi è Justin Sun?

Justin Sun è il creatore di Tron e attuale CEO della Tron Foundation che ne controlla lo sviluppo e le sue applicazioni. Nato nel 1990 in Cina, nonostante la giovane età può vantare un curriculum di tutto rispetto: ha creato PEIWO, un’app social molto popolare in Asia, e lavorato per due anni presso Ripple, il cui token attualmente è il secondo per capitalizzazione di mercato.

Celebre per le sue dichiarazioni roboanti su Twitter e i frequenti battibecchi con altre personalità della sfera crypto (uno su tutti, Vitalik Buterin), Justin è stato riconosciuto da Forbes come uno degli Under 30 più promettenti nel campo della tecnologia nel 2017.

Quale wallet utilizzare per Tron?

La Tron Foundation ha rilasciato una lista di wallet supportati ufficialmente, anche se al momento non esiste ancora un wallet proprietario come ad esempio Daedalus per Cardano. Nonostante le soluzioni proposte siano ottime e disponibili per moltissime piattaforme incluse Android e iOS, spesso questi wallet permettono di conservare solo token dell’ecosistema Tron.

Se disponi di altri asset crypto e vuoi gestirli tramite un solo software, la scelta non può che ricadere su Exodus Wallet: disponibile per Windows, Mac e Linuex e totalmente gratuito, dispone di un’interfaccia utente semplicissima da utilizzare.

Vuoi restare aggiornato su Tron? Non perderti le nostre Altcoin News.

 

Leave a comment