BlockFi è una delle piattaforme di lending crypto più conosciute del settore, sostenuto da giganti del settore e con interessi sugli asset che a volte sfiorano la doppia cifra; in questa breve guida, vedremo nel dettaglio cos’è BlockFi, come funziona e come iniziare a guadagnare interessi sui propri asset crypto oggi stesso.

Cos’è BlockFi

BlockFi è un’azienda fintech statunitense fondata nel 2017 per offrire prestiti in fiat ai possessori di criptovalute; lo straordinario successo del periodo iniziale ha attirato l’attenzione di importanti investitori del settore come ConsenSys Ventures, Coinbase, Lumenary ed il fondo d’investimento controllato dai fratelli Winklevoss, fra i primi finanziatori di Facebook e proprietari del potente exchange Gemini.

Ad oggi, BlockFi offre una ricca suite di strumenti di lending per investitori crypto privati o istituzionali, un’interfaccia di trading spartana ma funzionale, conti risparmio direttamente in criptovalute e nei prossimi mesi una carta di credito sviluppata in collaborazione con Visa.

Come funziona BlockFi

Creare un account su BlockFi è semplice e veloce, anche se bisogna premettere che l’interfaccia utente al momento è disponibile soltanto in Inglese.

Clicca qui per registrarti e inserisci il codice “e2dd2e14” nel campo “referral code” del modulo di iscrizione per ottenere 10$ in BTC per tutti i depositi nel proprio account sopra i 100$. Una volta confermata l’email e alcune informazioni di identità, sarai pronto ad utilizzare BlockFi per guadagnare interessi o richiedere un prestito tramite la piattaforma.

Per finanziare l’account, seleziona “Deposit” dal menù principale, inserisci la criptovaluta desiderata e segui le istruzioni: tutti gli asset depositati finiranno direttamente sul proprio conto della piattaforma, iniziando a generare interessi che saranno accreditati a partire dal giorno seguente.

Per depositare fiat, i tempi di accredito saranno quelli di un normale bonifico internazionale. I fondi potranno essere poi convertiti in criptovaluta tramite l’interfaccia di trading di BlockFi.

I tassi d’interesse su BlockFi

BlockFi offre tassi d’interesse molto vantaggiosi sia per criptovalute che per stablecoin: al momento attuale, la piattaforma offre il 6% annuale su Bitcoin (fino ad un massimo di 2.5. BTC depositati nell’account, quando il tasso scende al 3%), 5.25% per Ethereum e oltre il 9% per Tether. Questi gli interessi per i vari asset, presi direttamente dal sito ufficiale:

tassi d'interesse su BlockFi

E’ importante ricordare che i tassi d’interesse offerti da BlockFi sono soggetti a cambiamenti in base alle performance dell’azienda e all’andamento del mercato generale delle criptovalute: nel caso di una revisione delle percentuali annue, queste verranno prontamente comunicate per email a tutti i possessori di un account e tramite avvisi all’interno della piattaforma.

Come detto, BlockFi permette di guadagnare quotidianamente interessi sui propri asset; questi verranno accreditati effettivamente sull’account il primo giorno lavorativo del mese. Se lo si desidera, è possibile ricevere gli interessi maturati anche in un altro asset, che a sua volta riceverà interessi su base mensile: ad esempio, è possibile depositare Bitcoin e ricevere interessi in Tether o un’altra criptovaluta disponibile sulla piattaforma.

BlockFi Trading

Oltre a richiedere prestiti e offrire interessi sui propri asset crypto, BlockFi può essere utilizzato anche per fare trading fra criptovalute, anche se con un’interfaccia molto spartana rispetto alla concorrenza e commissioni abbastanza alte per il settore. Per avviare uno scambio sarà sufficiente selezionare “trading” dal menù principale e selezionare due criptovalute fra quelle disponibili sulla piattaforma.

Non si tratta quindi della soluzione migliore se dobbiamo comprare Bitcoin, ma può essere utile per cambiare istantaneamente una crypto in un’altra senza dover passare per un exchange esterno.

BlockFi App

La piattaforma offerta da BlockFi è disponibile anche su smartphone Android o iOS: una volta collegato il proprio account, sarà possibile controllare lo stato dei propri asset, fare trading, oltre a poter prelevare o depositare i propri fondi in criptovalute esattamente come sulla controparte desktop.

l'app mobile di BlockFi

Per maggiore sicurezza, è caldamente raccomandato di impostare l’accesso da smartphone all’app di BlockFi solo tramite dati biometrici e Google Authenticator, oltre alla normale password scelta al momento della registrazione.

L’app di BlockFi è disponibile gratuitamente sui rispettivi app store.

BlockFi è sicuro?

BlockFi, a differenza di oscuri protocolli DeFi con un team evanescente, è un’azienda regolarmente registrata e con una sede ufficiale nel cuore finanziario di New York. Tutti i fondi dei clienti sono custoditi, tramite una partnership, nei cold wallet di Gemini Custody, uno dei fondi di custodia crypto più rispettati del settore e diretta emanazione dell’exchange Gemini.

Gli asset depositati su BlockFi sono quindi al sicuro, e nella seppur breve storia della piattaforma non sono riportati furti di fondi o particolari problemi di affidabilità. E’ caldamente raccomandato utilizzare una password sicura e abilitare l’autenticazione a due fattori.

Il team di BlockFi

Il team di BlockFi è costituito da esperti del settore finanziario ed è guidato da un carismatico duo di fondatori: il CEO Zac Prince, ex dipendente di una controllata di Google e di importanti broker internazionali, e Flori Marquez, SVP of Operations e con un passato in grossi fondi d’investimento. Altri membri del Leadership Team di BlockFi provengono da Factom, Deutsche Bank e ConsenSys.

Di peso anche i finanziatori di BlockFi: oltre ai gemelli Winklevoss, hanno investito nell’azienda e nel suo successo a lungo termine Coinbase, Morgan Creek Capital, PJC e il fondo Valar di proprietà del miliardario Peter Thiel.

Come prelevare da BlockFi

Prelevare da BlockFi è semplicissimo, e la piattaforma mette a disposizione un prelievo gratuito per crypto (come Bitcoin, Ethereum, etc) e uno per stablecoin al mese. Per spostare i tuoi fondi fuori da BlockFi sarà sufficiente cliccare su “Withdraw” dal menù principale, selezionare l’asset e la quantità che si desidera trasferire e impostare il wallet di destinazione.

Una volta confermato il prelievo da BlockFi, questo andrà in review per 24 ore: si tratta di una misura di sicurezza per evitare che qualche malintenzionato in possesso della password possa vuotare l’account con facilità. Se lo si desidera, è possibile impostare una lista di indirizzi “autorizzati” a ricevere i propri fondi per rendere la vita ancora più difficile ad un hacker nell’apposita sezione “whitelist”. Attenzione: dopo aver aggiunto un indirizzo alla lista, sarà necessario attendere una settimana prima di poter autorizzare il prelievo.

BlockFi Card

Annunciata di recente e per ora disponibile solo per gli Stati Uniti, la BlockFi Card è una carta di credito sviluppata in partnership con Visa che offre un cashback di 1.5% per ogni acquisto direttamente in Bitcoin. A differenza di altre carte crypto, come quelle esaminate nella nostra guida su come pagare con Bitcoin, la BlockFi Card ha un costo di emissione di 200$, rendendola quindi non particolarmente economica.

carta di credito BlockFi Visa

Una volta ottenuta la carta, questa sarà gestibile direttamente dall’app di BlockFi dove verranno anche accreditati i vari cashback e bonus offerti dalla piattaforma. E’ possibile registrarsi alla waitlist direttamente dal sito ufficiale, con un bonus promozionale iniziale di 250$ direttamente in Bitcoin a fronte di una spesa di almeno 3000$ nei primi tre mesi di utilizzo.

Le recensioni su BlockFi

Le recensioni su BlockFi da parte degli utenti sono generalmente positive, e non si segnalano particolari criticità vista la grande trasparenza dell’azienda e i partner coinvolti, che annoverano alcuni dei nomi più pesanti nel campo della finanza crypto.

A livello di esperienza utente la piattaforma si presenta semplice da utilizzare sui principali browser e dispositivi, anche se l’interfaccia disponibile solo in inglese e il dollaro statunitense come unica valuta disponibile rappresentano sicuramente due aree che potrebbero essere migliorate. Il recente annuncio dell’espansione di BlockFi anche in Europa, con l’apertura di diversi uffici nel Vecchio Continente, lasciano ben sperare sull’arrivo di traduzioni e dell’Euro.